Vacanze romane [2]

(Riassunto della puntata precedente: il nostro eroe voleva andare in ferie in montagna ma una burocrazia malvagia lo costringe ad andare invece a Roma in un post sconclusionato e sgrammaticato)

Giorno: Lunedì. Ore: 11.45. Luogo: centro di Roma. Temperatura esterna: 40°. Temperatura interna: odio rovente.

Entriamo nella sede dell’anagrafe centrale di Romacapitale, in formazione sparsa prima Bruna poi io (che dovevo parcheggiare). E qui, del tutto inaspettamente, scoppia una botta di culo pazzesca: dietro lo sportello troviamo un’impiegata che non solo sta facendo qualcosa, ma sa quello che sta facendo e soprattutto è originaria del Triste Borgo Natio, per cui neanche lontanamente imparentata con quel sindaco croceceltico che avete votato. In men che non si dica, questa cara signora si prende cura dei nostri problemi, si muove a compassione per il nostro viaggio e ci informa che purtroppo non se ne può fare proprio nulla comunque, ma con il cuore in mano. Fieri di aver fatto tutto il possibile senza ottenere assolutamente nessun risultato, io & Bruna decidiamo quindi di arrenderci alla follia della burocrazia e svignarcela in qualche posto meno caldo e afoso, tipo Mercurio. Sempre per rendere meno faticoso il viaggio facciamo però sosta in un grazioso campeggio alle porte della capitale, che prometteva una deliziosa mobilhaus per pochi spicci. Promessa non mantenuta, perché a differenza di qualsiasi altro campeggio del globo terracqueo ed annessi satelliti, in questo caso per mobilhaus si intendeva un cubicolo di 2 metri x 2 con dentro due letti, due materassi di puro granito, due milioni di zanze in tenuta antisommossa e zero altro. Se a questo si aggiunge: i bagni fetidi, la piscina a pagamento, dozzine di ragazzini ubriachi scesi con il bus dalla Lettonia ad aumentare il degrado delle nostre metropoli ed il clima subtropicale, capirete perché la mia recensione su booking di questo campeggio sembrerà opera del migliore Stephen King.

Ma fino a quel momento, almeno, la vecchia Volvo continuava ancora a funzionare. E non c’è ancora traccia di isole in questo racconto.

E’ stata solo la mattina dopo, infatti, dopo aver dichiarato chiusi i nostri conti con Romacapitale, che realizzamo che la città stessa non aveva ancora chiuso i suoi conti con noi. Avevamo appena iniziato a fuggire tranquillamente verso Nord lungo una di quelle strade dal nome pomposo tipo Aurelia, Saveria, Pomponia, quando la vecchia Volvo a gpl inizia a dare segni di cedimento. La vecchia Volvo dà segni di cedimento dal lontano 2006, e peggiora quando la guido io. Di solito succede che si sente uno scoppio provenire dal motore, il che in genere spaventa chi non è abituato a sentirlo o prova affezione verso la propria vita, ma vuol dire solo che c’è stato un piccolo ritorno di fiamma del gpl e non so perché questo dovrebbe tranquillizzare qualcuno. Nel 90% dei casi si è staccato qualche tubo del gpl, io apro il cofano ed ungendomi tutte le mani di olio come un macho degli anni Ottanta sistemo il motore e riparto orgoglioso e pieno di testosterone. Nel restante 10% dei casi lo scoppio ha rotto qualcosa sotto il cofano o io non ci capisco niente e bisogna passare a benzina e portarla dal meccanico. Martedì scorso, invece, il problema era più bizzarro perché prima di tutto non guidavo io quand’è successo il danno e poi perché la macchina non funzionava più né a gpl né a benzina. Reggeva fino ai sessanta all’ora, più in su non andava, si sentiva una specie di fischio asmatico in lontananza, e ovviamente non ci restava altra scelta che portare la vecchia dal meccanico più vicino.

Il meccanico più vicino la guarda, la ascolta, la accarezza lascivo e dice:
“Qua c’è un problema di gpl che si mescola con la benzina. Comunque io di gpl non me ne intendo, deve portarla da uno specializzato, che si trova la e là e poi giri di là. In ogni caso sono pieno di lavoro e non avrei tempo.”

Delusi e un po’ preoccupati, la portiamo dal secondo meccanico che il primo ci aveva consigliato. Questi, un omino minuto dall’aria indaffarata, controlla un paio di tubi, fa esattamente cinque metri di prova su strada e poi conclude:
“A parte che il gpl non si può mescolare con la benzina, questa sicuramente ha un problema grave, bisognerebbe smontare mezzo motore ed io oggi sono pieno di lavoro e non ho proprio tempo. Vi consiglio di portarla da uno più specializzato che fa solo impianti a gpl, lo trovate la e là e poi girate di là.”

Decisamente rabbuiati ed anche un po’ umbratili, seguiamo il consiglio del secondo meccanico ed alla velocità dei Flintstones portiamo la macchina da un terzo meccanico, il quale a malincuore ci comunica:
“Non capisco proprio cosa possa avere, secondo me il gpl e la benzina hanno due guasti separati ed indipendenti tra loro e comunque dev’essere una faccenda complicata, la dovrei guardre con calma. Oggi però purtroppo sono pieno di lavoro e non faccio proprio in tempo, se me la lasciate ci do un occhio domani.”

Trattenendo a stento il nostro desiderio di sgranargli i denti con il cric più vicino, io e Bruna decidiamo di tornare nelle nostre desolate lande artiche con le pive nel portabagagli alla ragguardevole velocità di sessanta chilometri orari con punte di sessantacinque in discesa. Proseguendo lungo la strada, più o meno all’altezza di Viterbo o qualche altra città etrusca, ci imbattiamo in un’altra officina e proviamo a fare un ultimo tentativo. Il vice meccanico di guardia ci informa che il titolare era uscito un attimo per cui, mentre aspettavamo sotto il sole cocente, tra un improperio e l’altro io vengo colto da improvvisa e brillante intuizione di chiara origine genetica visto che mio nonno faceva il meccanico di biciclette, ed utilizzando una chiave di casa come cacciavite smonto un tubo di gomma per poi estrarre un fattapposta di metallo che si era incastrato ostruendo il filtro dell’aria, proprio com’era successo una volta nel 2008 o giù di lì. Trionfante, lo porto dal vice meccanico e mentre lui scuote la testa scettico lo convinco a prendere a martellate il pezzo fino ad aggiustarlo. Mi chiedo come mai nessun meccanico ci avesse pensato, con il senno di poi era ovvio che fosse il fattapposta, e infatti appena arriva il quarto meccanico e gli dico che abbiamo aggiustato il fattapposta che si era incastrato ci risponde che era ovvio che fosse il fattapposta visti i sintomi della macchina. In ogni caso, la vecchia Volvo riprende a funzionare egregiamente e ciò che più era importante, non solo l’avevo aggiustata io (gratis) ma per una volta non ero stato neanche io a romperla, per cui il testosterone mi usciva dalle orecchie.

E’ stato più o meno a quel punto che abbiamo deciso di fare una piccola deviazione e passare il resto della settimana sull’isola d’Elba a non fare niente, e se ne andasse a quel paese pure la montagna.

(Bella l’Elba.)

(C’ero mai stato, proprio bella.)

(No come Romacapitale**.)

** Nessun romano è stato ferito durante la stesura di questo post, a malincuore. C’è da dire a favore di Romacapitale che durante il nostro soggiorno di dodici ore non abbiamo assistito a nessun pestaggio fascista, ma è pur vero che una notte di sonno ce la siamo fatta.

Annunci

Vacanze romane [1]

Capita piuttosto spesso, direi una volta all’anno, che io e Bruna in Luglio decidiamo di andare al mare. A Tangeri, in Istria, in Sardegna, a Krk… Poi in Agosto ho un altro paio di settimane di ferie ed in genere si va da qualche altra parte, per esempio al mare oppure al mare. Quest’anno con estrema convinzione e determinazione abbiamo invece deciso di cambiare destinazione e di trascorrere una settimana in montagna, tipo Alto Adige o comunque in Dolomizia, ovunque purché non al mare. Com’è che siamo poi finiti su un’isola è presto detto.

Due settimane fa è uscita ’sta storia di Minosse, perché quest’anno c’è la moda di dare i nomi alle ondate di caldo, ma perché no, poi. Minosse era l’ondata di caldo della settimana scorsa, chiamata così perché da qualche parte c’è un meteorologo che ha fatto il classico e ci tiene a farlo sapere. Minosse doveva colpire con sferzate di caldo africano tutta l’Italia, e così è stato, tranne la Dolomizia. Sgomentati dall’idea di andare nell’unica metaregione d’Italia dove era prevista pioggia, io e Bruna decidemmo di cambiare i nostri piani e andare invece verso la Val D’Aosta, le Alpi Occidentali o qualunque altro posto non piovoso e non marittimo raggiungibile in meno di dieci ore di automobile. Venerdì pomeriggio, però, un inconveniente.

La mia vita è piena di inconvenienti.

Per un banale disguido burocratico di cui non vi parlo perché non sono fatti vostri, mi serviva una carta. Non una carta qualsiasi che mi sarei potuto procurare in qualsiasi cartoleria, e neanche una carta di quelle un po’ più raffinate che mi sarei potuto comunque procurare in una cartoleria più fornita o al limite in un cartificio, ma di una carta del genere di quelle che ti danno in Comune, con su scritta della roba. L’inconveniente era che si trattava del Comune di Romacapitale, e siccome siamo solo nel XXI secolo è impensabile che Romacapitale possa trasferire questa semplice ma preziosa carta tramite una qualsiasi tecnologia moderna, chennessò una telescrivente o un telefax o la maledetta internet, bensì bisognava recarsi personalmente a Romacapitale e trovare qualche solerte impiegato comunale disposto a fare il suo maledetto di lavoro per cinque minuti di seguito. Questo ancora non spiega, mi rendo conto, perché io sia finito su un’isola invece che in Nepal o in Tibet o in Val D’Aosta.

Il fatto è che, ovviamente, pur avendo io il massimo disprezzo per i beni materiali e assolutamente nessuna necessità di lavorare, non avevo altri giorni in cui andare a Romacapitale a rompermi le scatole ad uno sportello comunale dell’Olgiata, possano i numi mandarvi altri dieci alemanni consecutivi come sindaco, se non durante la mia settimana di ferie. Cosicché io e Bruna invece che dirigersi con o senza la nostra roulottinzia verso Nord, Ovest o al limite anche Est (Urali), ci siamo trovati costretti a puntare il muso della vecchia fedele Volvo verso Meridione, proprio in faccia al Minosse di cui sopra. Ho citato casualmente la vecchia Volvo a gpl per preparare i lettori meno affezionati di questo bloggo e anche gli altri a quanto avverrà tra una decina di righe.

Nel frattempo, interludio brillante: per rendere meno faticoso il viaggio abbiamo fatto tappa in Umbria in un bellissimo albergo trovato su internette a prezzi stracciati. Purtroppo ci siamo rimasti solo il tempo minimo indispensabile a dormire e a rubare lenzuola e asciugamani, come sempre*.

Romacapitale è pur sempre una gran bella città, se sei una rovina romana. Per tutti gli altri esseri viventi o non viventi la capitale del regno di Berlusconia presenta alcune sgradite caratteristiche quali: il traffico, l’inquinamento, l’urbanistica, i prezzi, il clima, il papa e gli altri abitanti. Adesso non verrò qua a fare il solito veneto polentone che parla male di Romacapitale e dei romani, mi limiterò a dire che dopo che se i Vandali o quel che erano l’hanno distrutta non è che ci fosse poi tutto ’sto gran bisogno di ricostruirla, no? Si poteva invece ricostruire Veio, scommetto che Veio sarebbe stata più simpatica e pure i Veiani. Ad ogni modo, in quello stramaledetto ufficio dell’Olgiata come avrete intuito non sono riusciti a produrre la carta per cui mi ero fatto 650 chilometri dell’appennino maialo, a causa dell’incompetenza della burocrazia italiana in generale e romana in particolare, con lo speciale contributo di un’impiegata che sembrava una delle matrone di Asterix, tale e quale, con l’aggiunta di un probabile grado di parentela con quel sindaco di Romacapitale che l’avete votato e mo’ ve lo tenete, troppo dovete morì. Ma poiché dai diamanti non nasce niente mentre dal letame nascono i fiori, un’altra cugina di Alemanno un po’ più sveglia ci ha suggerito di provare all’ufficio centrale, perché se vi vogliono risolvere le cose in Italia bisogna andare al centro, e se il centro d’Italia è Romacapitale il centro di Romacapitale non può che essere il centro di tutto, per cui io e Bruna armati di fulgido odio e temporaneamente convertiti alla causa celtica ci dirigemmo a bordo della fidata Volvo in direzione del centro di Roma.

(a questo punto del racconto la Volvo funziona ancora)

[continua…]

* Scherzo. Abbiamo fatto anche colazione.