Cambaluq

Sono seduto su una panchina del lungomare di Jesolo. Guardo il paese reale scorrere dinanzi a me in fouseaux neri, nike argentate, chiappe troppo molli che traboccano da pantaloni troppo stretti, occhiali da sole progettati alla NASA e microtelefonini, guardo la famiglia tipo in vacanza tipo addestrare il bambino tipo ad odiare odiato i genitori tipo crescendo ansioso, paranoico, protetto e sicuro come un omogeneizzato COOP e penso

Il pianeta Terra ha una circonferenza di 40.000 chilometri. Siamo così abituati a cifre stratosferiche – due milioni di morti, sei milioni e mezzo di montepremi, sette miliardi di manovra finanziaria – che quarantamila chilometri sembrano pochini. E sono pochi. Guarda il contachilometri della tua auto. 50.000 chilometri. Avresti potuto fare il giro del mondo e un quarto, bere un caffè turco a Beo, bere un té caldo a Istanbul, fumare una sigaretta amara a Samarqand, camminare per le spiagge dell’India, visitare un monastero cinese, inerpicarti lungo la spina dorsale del mondo in Nepal, immergerti nella colorata follia di Tokyo, tentare la traversata coast to coast degli Stati Uniti per sentirti un po’ protagonista di un film di culto degli anni ’70, scoprire che sapore hanno le banane colte mature dall’albero, guardare l’oceano, sbarcare a Lisbona, accarezzare la sabbia del deserto, conoscere persone, luoghi di cui ignori persino il nome, qualche parola in venti lingue, invece sei solo andato duemila volte da casa al lavoro, dal lavoro a casa, quattrocento volte da casa al supermercato, dal supermercato a casa, centocinquanta volte alle poste a pagare una bolletta, quaranta volte in comune per una pratica, quattro volte ad un centro Ikea ed una volta a Jesolo. Guarda il contachilometri della tua auto. 100.000 chilometri. Due volte il té ad Istanbul, due volte una discussione animata con uno studente di Berkeley sul futuro dell’economia mondiale in un assolato pomeriggio al parco, due volte a guardare le stelle sdraiato a pancia all’aria nel Sahara. 250.000 chilometri. Machu Pichu. La Terra del Fuoco. Surf sulle onde della costa australiana non lo potrai mai fare, perché ormai l’auto è vecchia ed è da buttare, i soldi che spendi per cambiare l’auto ti costringono a lavorare e ti impediscono di partire, di muoverti. Se tu fossi partito per tempo, ora potresti essere in un café alla moda di Seattle, nella foresta Amazzonica, in un tempio indonesiano, a mangiare pesce appena pescato in Islanda o ad Hong Kong. Avresti consumato gli stessi litri di benzina, lo stesso spessore di pastiglie dei freni e di copertoni, avresti perso meno capelli ed avresti messo su meno chili superflui. La tua auto non sarebbe diversa. Tu saresti diverso.

Non aspettatevi delle conclusioni coerenti da pensieri tanto profondi: si sa che il genio cresce nella sofferenza.

P.S.: l’uso del presente storico nel primo paragrafo non vi autorizzi a credere che io sia in ferie. In realtà sto traslocando anima, corpo e soprattutto mobili e soprammobili

Annunci